Casinò Campione d’Italia: il più grande Casinò d’Europa

Casinò Campione d’Italia: il più grande Casinò d’Europa

Il Casinò Campione d’Italia è la più grande azienda di Campione d’Italia, l’exclave italiana in provincia di Como racchiusa nel Canton Ticino svizzero e situata sulla costa orientale del lago di Lugano.

La prima volta che andai al Casinò di Campione era la mia prima volta al casinò da giocatrice e abbiamo scelto di andarci la sera del primo dell’anno,alla mezzanotte ci hanno offerto pandoro, panettone e spumante gratis per tutti.

Il casinò si disloca su diversi piani, tra i quali si trova anche il piano ristorante. Posto molto bello, per una serata diversa dal solito.rimasi colpita dal gioco di luci che rifletteva la maestosità di quell’edificio illuminato sul lago che per molti è definita “ecomostro”nonostante la firma illustre.

Come prima volta al Casinò di Campione mi è sembrato di vivere un’esperienza a 360 gradi in cui l’aspetto ludico è fondamentale ma non esclusivo.

La varietà dei giochi disponibili mi ha permesso di trascorrere il mio tempo ottimizzandolo; gli eventi organizzati presso il Salone delle Feste offrono l’opportunità di cogliere il volto più mondano e chic del Casinò di Campione; la proposta gastronomica dei ristoranti mi ha conquistata; inoltre ho trovato utile il programma di fidelizzazione Energy Card è un servizio gratuito e ti consente di accumulare senza stress molti punti che potrai utilizzare per richiedere il buono premio da te desiderato.Tuttavia in questo luogo ho imparato a giocare per la prima volta a Blackjack,è un ambiente raffinato e tutto questo mi ha permesso di vivere  l’esperienza di gioco ancora più coinvolgente e stimolante,tanto da gustare per la prima volta l’emozione di una vincita al Casinò,per questo motivo nutro un certo “affetto”verso questo luogo.

La città che ospita il Casinò di Campione d’Italia è una realtà a misura d’uomo che si distingue per la raffinata eleganza e per la qualità dei servizi e delle strutture ricettive: una visita al Casino di Campione è l’occasione perfetta anche per fare un breve tour della graziosa città elvetica affacciata su uno dei laghi più suggestivi dell’arco alpino.

In conclusione la mia esperienza presso il Casino di Campione è stata decisamente positiva in quanto abbiamo giocato e scommesso in una location esclusiva e in un clima di gioco molto sereno.

Consiglio di visitare il Casino di Campione d’Italia che reputo essere un punto di riferimento per il gioco a livello europeo, in considerazione della tipologia di giochi proposti e della varietà di esperienze che si possono vivere all’interno del Casino di Campione.

Abbigliamento e regole di comportamento

Il Casino di Campione prevede un dress code non troppo rigoroso: per l’ingresso al Casino di Campione d’Italia è sufficiente un abbigliamento informale; l’accesso ai tavoli francesi e ai tavoli americani è precluso a chi indossa bermuda e canottiere o calza ciabatte e infradito. Un abbigliamento decoroso è la condizione imprescindibile per varcare la soglia dei ristoranti del Casino di Campione.

Quanto alle regole di comportamento, ti consigliamo di informarti sugli orari di presentazione ai ristoranti che sono operativi fino a notte inoltrata ma che consentono l’accesso alla clientela fino alle 23:30

Dove Prenotare

Al suo interno il Casinò non dispone di un Hotel ma è possibile prenotare su una vasta scelta di strutture nella zona di Lugano e scegliere quella che più vi piace.



Booking.com

Storia e Curiosità

Il primo Casinò Municipale di Campione fu fondato nel 1917, in piena I Guerra Mondiale, rimase aperto per due anni poi chiuse il 19 luglio 1919. Riaprì definitivamente alcuni anni più tardi, il 2 marzo 1933. Da allora porta avanti la sua dedizione al gioco e al divertimento, attività che nel 2013 ha compiuto 80 anni.

Si parlò del casinò nel 2006 quando il figlio dell’ultimo Re d’Italia, Vittorio Emanuele di Savoia, venne accusato di associazione a delinquere per riciclaggio di denaro attraverso la struttura, accusa da cui è stato assolto perché “il fatto non sussiste”, come dichiarato dal gup del Tribunale di Roma.

Il 9 maggio 2007, nelle immediate vicinanze della prima sede, è stato inaugurato il nuovo palazzo. Il progetto è stato creato dall’architetto svizzero Mario Botta, per un costo d’impresa generale di circa 140 milioni di franchi svizzeri, e una spesa complessiva di circa 193 milioni di franchi svizzeri (pari a circa 120 milioni di euro alla data di consegna). La struttura, alta 9 piani per 55.000 m², è stata costruita negli spazi adiacenti alla vecchia ed è ben visibile da tutto il lago sul quale sorge, grazie a sistemi di illuminazione innovativi e originali, dalla colorazione rossa. Appena inaugurato, la critica ha definito la nuova sede un “ecomostro” per l’imponente cubatura spigolosa, nonostante la firma illustre.


 

Info sull'autore

ladygaming administrator

Napoli